I Bungalow

Gli Appartamenti

Benvenuto al Residence Guidaloca.

Nella baia di Guidaloca, non lontano dai faraglioni di Scopello e dalla splendida Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, in un luogo in cui ancora è possibile immergersi nel mare trasparente e cristallino e trovare natura incontaminata, sorge il Residence Guidaloca, immerso nel verde argentato degli ulivi ed impreziosito da un delizioso giardino.

La vicinanza di luoghi di grande interesse culturale quali: Segesta, Erice, le Saline di Trapani, l'isola di Mozia, Selinunte, la Valle dei Templi, Monreale e tante altre attrattive storico-culturali, rende il Residence Guidaloca un ottimo punto di partenza per delle bellissime escursioni.

COSA VEDERE

Castellammare Del Golfo

Un meraviglioso golfo, tra il mare e la montagna, Castellammare del Golfo brilla con il suo porticciolo. Simbolo della città è il castello arabo-normanno. La costa è varia, andando da est a ovest troviamo un'ampia spiaggia fino alla parte più rocciosa della costa.

Scopello

La suggestiva Tonnara di Scopello, attiva fino a qualche anno fa, è oggi un complesso monumentale prospiciente ad una caletta di acqua azzurra, chiusa dai suggestivi faraglioni. Tappa obbligatoria per i turisti, la Tonnara dista poche centinaia di metri dal paese di Scopello, caratteristico borgo marinaro.

Riserva Naturale dello Zingaro

La riserva Naturale Orientata dello Zingaro, istituita nell’anno 1981 è una delle “perle” più preziose dell’intera isola, visitata ogni anno da diverse centinaia di migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del mondo, per la singolarità dell’ambiente e la natura incontamina.

Erice

Borgo medioevale su un’altura che domina la Città di Trapani e la punta occidentale della Sicilia. Fra i monumenti, notevoli sono la Chiesa Matrice (XIV secolo), dedicata all’assunta con interno rifatto nel secolo scorso, il castello medioevale(XII-XIII secolo).

Segesta

Uno dei siti di maggior interesse nell’ambito dell’archeologia in Sicilia. Situata fra Trapani e Palermo in posizione panoramica sul monte Barbaro a 400 metri. Il tempio è in stile dorico e il teatro è in parte scavato nella roccia della collina. In estate il teatro rivive, si riempie di spettatori pronti ad assaporare spettacoli teatrali di vario genere.